Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2010

Troppa la pressione fiscale in Italia, secondo l'OCSE

La pressione fiscale nell'area Ocse è scesa ai minimi storici (33,7%) a causa della crisi... tranne che in pochi paesi tra qui l'Italia (43,5% rispetto al 43,3% del Pil 2008), che si distingue per aumento della tasse raggiungendo il terzo posto in classifica per "morsa del Fisco".

L'indice di Revenue Statistics 2010 registra un calo generale: -1,1% rispetto al 2008 e 1,7% rispetto al 2007.
Assieme a noi, per incremento delle tasse maglia nera anche per Svizzera e Lussemburgo. Sopra di noi, per indice di pressione fiscale, Danimarca e Svezia, dove le tasse assorbono rispettivamente il 48,2% e il 46,4% del Pil. Al contrario i paesi con un fisco più leggero sono Messico e Cile, con il 17,5% e il 18,2% del Pil.
Risultati positivi anche per gli USA che segnano un livello pari al 24%, e per altri importanti paesi in cui la pressione fiscale ha seguito un trend a ribasso. Tra questi Canada, Francia, Islanda, Irlanda, Nuova Zelanda, Norvegia e Regno Unito, dove il trend è i…

Versamento della prima rata anticipo rivalutazione TFR

Isostituti d'impostache devono versare l'anticipodell'imposta sostitutiva dell'11% sullerivalutazionidelTFR(Trattamento di Fine Rapporto) avranno tempo fino al 16 dicembre, data ultima per il pagamento del tributo pari al 90% dell'imposta totale, che dovrà avvenire utilizzando ilmodello F24tra oggi e domani, ultimi due giorni lavorativi.Ilsaldo finale, invece, l'appuntamento è spostato al 16 febbraio 2011, in virtù delle prescrizioni dell'articolo 11 del decreto legislativo 47/2000.Ilmodello telematico, utilizzabile anche per il saldo, rappresenta l'unico canale di versamento, che rende possibile aldatore di lavorodi bilanciare i compensi con eventuali crediti dovuti dall'Erario.Sull'F24ilcodiceda inserire nella "Sezione Erario" per il 16 dicembre è il "1712", mentre per il 16 febbraio il numero riservato è "1713", lo stesso da indicare per lafruizione del credito.L'imposta sostitutiva deve essere applicata alle

Le parole più cercate nel 2010

Le parole più cercate su Yahoo!, in ordine:
Facebook Giochi Oroscopo Superenalotto Grande Fratello Belen Rodriguez Calciomercato Previsioni meteo Mappe Tarocchi
Ecco quali sono state le parole più cercate dagli utenti di Yahoo! nel corso del 2010: un punto di vista unico sul web e sulle abitudini di chi lo frequenta. Tra riconferme e new entries, gli interessi dei navigatori viaggiano sul filo del divertimento, della comunicazione e della comodità. La prima posizione è una conferma del successo di Facebook in Italia: il nome del social network è la parola più cercata del 2010. In classifica anche due grandi successi televisivi: un format tra i più seguiti e un personaggio che ha fatto molto parlare di sé. Cliccatissimi anche servizi e utilità: sapere che tempo fa e come raggiungere la propria meta sono ormai una comoda consuetudine alla quale è molto difficile rinunciare. Non poi manca il divertimento: tra le parole più cercate anche alcuni dei passatempo preferiti dagli utenti di Yahoo!.
articolo…

L' INAIL finanzia le imprese

in attuazione dei DD.Lgs. 81/2008 e 106/2009, art. 11, comma 5, l' INAIL stanzia 60 milioni di euro - ripartiti su base regionale - per finanziare le imprese che realizzano interventi per migliorare la salute e la sicurezza dei luoghi di lavoro.Le domande dovranno essere inoltrate mediante procedura informatica attiva sul portale INAIL dalle ore 14 del 12 gennaio 2011 al 14 febbraio 2011.A partire dal 10 dicembre 2010 sul portale www.inail.it, sezione Punto Cliente è attiva un procedura che consente all'impresa di verificare se è in possesso dei requisiti necessari per presentare la domanda di finanziamento.

Rapporto CENSIS 2010

Un’Italia "appiattita" che stenta a ripartire. E' l’analisi del Censis, contenuta nel 44esimo Rapporto sulla situazione sociale del Paese 2010, presentato oggi a Roma dal presidente del centro studi, Giuseppe de Rita e dal direttore generale, Giuseppe Roma. Il Censis registra un "declino parallelo" della legge e del desiderio.LE REGIONI - In alcune regioni a complicare la situazione è la presenza della criminalità organizzata, radicata specialmente nel Sud Italia (soprattutto in Sicilia, Puglia, Calabria e Campania). Molti dei provvedimenti varati negli ultimi anni, scrive il Censis, hanno avuto un modesto impatto reale. Da qui il venir meno della fiducia nelle lunghe derive e nell’efficacia delle classi dirigenti. Di là dai fenomeni congiunturali economici e politico-istituzionali dell’anno, suggerisce il Censis, "adesso occorre una verifica di cosa è diventata la società italiana nelle sue fibre più intime".LAVORO AUTONOMO IN DECLINO - Diminuisce il…